fbpx

Cane che russa? Attenzione, potrebbe trattarsi di sindrome brachicefalica

Congiuntivite coniglio: se non fosse solo un problema oculare?
06/2018
Sindrome brachicefalica, ecco come può essere trattata
07/2018

Hai un cane che russa sempre quando dorme? Potrebbe essere affetto da sindrome brachicefalica.

Per Sindrome Brachicefalica, (BAOS), si intende un’ostruzione delle vie aeree superiori di gravità variabile da soggetto a soggetto risultante dalla conformazione anatomica dei cani brachicefali.

Colpisce appunto le razze brachicefaliche, ossia le razze a muso corto come ad esempio il Bulldog Inglese e Francese, il Carlino, il Pechinese, lo Shi-tzu, il Lhasa apso, lo Shar-pei e altre ancora.

La sintomatologia clinica si manifesta con maggior frequenza nei giovani adulti, ossia negli animali dal primo anno di vita. Nella BAOS si possono riscontrare le seguenti alterazioni anatomiche:

  • Stenosi delle narici
  • Palato molle lungo
  • Eversione dei sacculi laringei
  • Ipoplasia tracheale
  • Collasso laringeo
  • Turbinati aberranti

Il passaggio di aria attraverso strutture anatomiche così strette e compresse, tipiche di tali razze, genera un’aumentata pressione negativa inspiratoria che, inizialmente, può portare ad una semplice infiammazione dei tessuti perilaringei e ad un’eventuale eversione dei sacculi laringei ma, in una fase più avanzata, può esitare in un peggioramento del distress respiratorio tale da portare il paziente a cianosi e a crisi sincopali. è opportuno differenziare alterazioni primarie e secondarie che sono la causa di una sindrome così complessa.

Alterazioni primarie:

  • Stenosi delle narici
  • Palato molle lungo
  • Collasso laringeo

Alterazioni secondarie:

  • Ipertrofia  tonsillare
  • Ipertrofia laringea
  • Camere nasali strette

Le alterazioni secondarie subentrano quando non si interviene tempestivamente a correggere chirurgicamente le anomalie anatomiche primarie; tale situazione è la più pericolosa, in quanto vi è una riduzione ancora più marcata delle vie aeree superiori e, inoltre, è quella che lascia meno possibilità terapeutiche determinando così crisi respiratorie spesso letali.

Nella complessa eziopatogenesi di tale sindrome, è opportuno tenere in considerazione i seguenti fattori predisponenti e aggravanti:

  • Fattori ambientali e climatici
  • Patologie respiratorie e/o cardiache concomitanti
  • Alterazioni metaboliche (acidosi metabolica)
  • Disordini neuromuscolari
  • Stato di coscienza
  • Obesità

Sintomatologia

Dispnea inspiratoria con cianosi e tipico stertore respiratorio ossia il rumore caratteristico prodotto dal passaggio d’aria attraverso le prime vie aeree parzialmente ostruite con vibrazione del velo palatino lungo. Quando la situazione è molto grave con comparsa delle alterazioni anatomiche secondarie, il distress respiratorio può comparire sia in inspirazione che in espirazione. Se lo stato di ipossiemia è grave si possono verificare anche crisi sincopali. Frequente è il riscontro di ipertermia e colpi di calore per l’inadeguata termoregolazione mediante ventilazione.

La diagnosi di BAOS è piuttosto agevole e si basa sul segnalamento, l’anamnesi, l’esame clinico, l’esame radiografico e mediante l’ausilio dell’intensificatore di brillanza della regione laringea e del torace e infine l’esame laringoscopico con il paziente in anestesia.

Le narici stenotiche si possono apprezzare al semplice esame clinico. Per apprezzare un palato molle eccessivamente lungo, è necessario ricorrere ad alcune indagini diagnostiche. Con il paziente sveglio si può eseguire un radiogramma in proiezione latero-laterale della regione laringea per valutare la relazione fra velo palatino ed epiglottide; inoltre risulta particolarmente utile la visualizzazione della dinamica del velo palatino durante gli atti respiratori mediante l’uso dell’intensificatore di brillanza. È opportuno accertare l’eventuale presenza di una concomitante ipoplasia tracheale eseguendo un esame radiografico del torace; in proiezione latero-laterale il diametro di una trachea normale deve essere tre volte superiore al diametro della terza costola misurato a livello della trachea. In anestesia leggera, si procede all’esame laringoscopico mediante il quale è possibile osservare il velo palatino lungo, l’eversione dei sacculi laringei che andranno a protrudere dalla loro cripta coprendo parzialmente le corde vocali. In endoscopia, negli stadi più avanzati della patologia, non è infrequente il riscontro del collasso laringeo in cui, le corde vocali, i processi corniculati e i tessuti circostanti sono deviati medialmente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POLIVET POLICLINICO VETERINARIO

Siamo lieti che tu ci abbia scelto. Puoi compilare questo breve modulo e sarai ricontattato a breve

X
CONTATTACI