fbpx

Stress nel cane: i consigli del vet

lettiera
Lettiera: i consigli del vet
09/2022
stress nel cane

I cani non sono mai aggressivi senza motivo, e soprattutto non c’è cane che passi “da zero a 100”, dalla tranquillità all’aggressione, senza aver mandato precisi segnali di stress.

I segnali di stress nel cane

Sono vari e non sempre ben riconoscibili. Spesso possono essere confusi per segni “di sottomissione” o addirittura per “espressioni simpatiche”. Ed è così che accadono gli incidenti, magari con un estraneo troppo invadente o con i bambini. È molto importante quindi imparare a riconoscere questi segnali di stress sottili ma evidenti, per proteggere il nostro cane da stress immotivati e prolungati, ed evitare che situazioni apparentemente tranquille si trasformino in momenti esplosivi.

Quali sono i segnali

Attenzione alla coda: se è in mezzo alle gambe, il cane è chiaramente intimorito.

Anche la posizione delle orecchie è importante, un cane stressato le tiene basse e aderenti alla testa, atteggiamento spesso corredato dallo “sguardo liquido” da sotto in su (quando si vede il bianco degli occhi) oppure da occhiate sfuggenti.

Vocalizzazioni come abbaio e uggiolio senza apparente motivo indicano anch’essi una condizione di disagio. E poi ci sono da tenere d’occhio anche comportamenti “diversivi”: il cane si lecca il muso, sbadiglia ripetutamente, si gratta, ansima. Sono segni di ansia che trasmettono un avvertimento, e se ignorati possono condurre a un’escalation pericolosa. 

Cosa fare quando ci accorgiamo dei segnali di stress del nostro cane?

Per prima cosa rimuoviamolo dalla situazione stressante (ovviamente se possibile). In particolar modo se viene maneggiato da estranei o da bambini, proteggiamo entrambi interrompendo il contatto. Se invece a stressarlo sono situazioni esterne, come ad esempio temporali, rumori forti, viaggi in macchina, visite dal veterinario, possiamo lavorare con un bravo educatore su una “desensibilizzazione”, che lo porterà ad associare l’evento stressante a qualcosa di positivo e con il tempo glielo renderà indifferente.

Ricordiamo sempre: la prevenzione è importantissima quando si tratta di aggressività, e individuare i primi segnali di ansia è fondamentale.