fbpx

Cardiopatie del cane e del gatto, screening , sintomi e prevenzione

Zanzare e pappataci, i rischi e come proteggere i nostri pet
05/2021
Attenti al caldo: i pericoli da parassiti e batteri
06/2021

Circa il 10% dei cani e il 15% dei gatti soffrono di disturbi cardiaci. Le cardiopatie possono essere congenite (presenti dalla nascita) o acquisiti e (quando si presentano nel corso della vita). Anche in questo secondo caso possono avere base ereditaria, e cioè una predisposizione determinata geneticamente.

I cani e i gatti più predisposti alle cardiopatie

Alcune razze canine hanno maggiore predisposizione alla cardiopatie: molossoidi come boxer, bulldog inglese, bulldog francese. Il Dobermann manifesta una forma di cardiomiopatia dilatati a nel 58% degli adulti, patologia che colpisce con frequenza anche terranova, irish solchi una (levriero irlandese) cane da acqua portoghese e alano. D a tenere d’occhio anche i Retrievers (golden e Labrador in particolare) , il Cavalier King Charles Spaniel, beagle, bassotto e barbone. Chiunque desideri far riprodurre il proprio animale deve quindi essere consapevole dei rischi specifici di razza collegati alle cardiopatie, per evitare di propagare il difetto genetico tramite accoppiamenti sbagliati.

La maggior parte dei gatti con malattie cardiache presenta cardiomiopatia ipertrofica, anche senza soffio cardiaco all’auscultazione. Succede soprattutto ai gatti maschi in età avanzata,m con una predisposizione genetica per Maine Coon, Persiano e Ragdoll e i loro incroci.

Sintomi e screening per le cardiopatie del cane e del gatto

Ma uno screening cardiologico è importante per tutti: cani e gatti spesso non mostrano sintomi finché il cuore non entra in stato di insufficienza, rendendo difficile intervenire e preservare la salute del proprio pet.

I sintomi più comuni da tenere d’occhio

  • Tosse stecca e stizzosa soprattutto dopo uno sforzo
  • Fiato corto
  • Respira spesso a bocca aperta
  • Diminuzione dell’appetito
  • Mucose cianotiche per minor afflusso di sangue
  • Perdita di peso
  • Scarso accrescimento nei cuccioli

La prevenzione delle cardiopatie del cane e del gatto

Su consiglio veterinario individuate il momento adatto nella vita del vostro animale per uno screening cardiologico. Inoltre è fondamentale curare l’igiene orale di cane e gatto: la parodontite, agendo da focolaio cronico di infezione, rappresenta una fonte non controllata di microrganismi, tossine e prodotti batterici suscettibili di inquinare il flusso sanguigno e raggiungere organi vitali, come appunto il cuore.

POLIVET POLICLINICO VETERINARIO

Siamo lieti che tu ci abbia scelto. Puoi compilare questo breve modulo e sarai ricontattato a breve

    X
    CONTATTACI