La tosse dei canili: una malattia della comunità - Polivet

La tosse dei canili: una malattia della comunità

AMICI DI CASA – Cosa fare contro le zecche: i consigli di Polivet
03/2021
Pasqua: prepara una colomba per cani con i consigli del veterinario
03/2021
La tosse dei canili: una patologia tanto più frequente quando, con l’arrivo della bella stagione, i nostri amici cani frequentano più spesso ambienti comuni, come le aree cani, i centri cinofili, allevamenti o pensioni per cani.

La  tosse dei canili, definita così non perché è una patologia dei canili, ma perché è la patologia tipica dei luoghi promiscui, proprio come le aree cani.

Non è legato al sesso od alla età del cane. Non è una patologia mortale, ma molto fastidiosa.

La tosse dei canili o tracheobronchite infettiva è una sindrome in quanto può avere più agenti eziologici: batterici come la Bordetella Bronchiseptica o virali come l’adenovirosi o il virus della parainfluenza e simili.

Come si trasmette la tosse dei canili

La trasmissione è principalmente per via aerea, attraverso le secrezioni respiratorie del soggetto infetto, come succede per le nostre forme respiratorie.

Ruolo fondamentale è il portatore, ossia i cani che hanno superato la forma clinica della patologia ma sono ancora in grado di diffondere il patogeno. Ha un periodo di incubazione di una settimana, ma non tutti i cani possono presentare subito il sintomo.

I sintomi

Il paziente presenta: tosse marcata, che si accentua in caso di sforzo fisico o, semplicemente, in seguito a una leggera pressione della trachea (ad esempio, quella esercitata dal collare). Il paziente si presenta normotermico e delle buone condizioni fisiche. Il sintomo clinico caratteristico è il cane cercherà di espettorare catarro e la maggior parte dei proprietari riferiscono al veterinario che il cane vomita.

Nei soggetti immunodepressi o con patologie respiratorie pregresse il quadro clinico può peggiorare con interessamento broncopolmonare e febbre.

Terapie e vaccini per la febbre dei canili

La risoluzione spontanea della sintomatologia avviene nella maggior parte dei casi, in altri è sufficiente la semplice terapia antinfiammatoria per diminuirne i sintomi. Solo nelle forme più gravi si dovrà ricorre alla terapia antibiotica.

La prima arma che abbiamo è la profilassi:

Sono disponibili a nostra disposizione diversi vaccini, in genere polivalenti (stimolano la produzione di anticorpi contro più agenti patogeni contemporaneamente), e possono essere somministrati per via parenterale (iniezione) o per via intra-nasale.

I vaccini intra-nasali ad antigeni vivi hanno un azione molto rapida, infatti gli anticorpi anti-Bordetella sono presenti già 72 ore dopo la somministrazione e gli anticorpi anti-virus parainfluenzale dopo le classiche 3 settimane.

I vaccini hanno una durata di 1 anno, sia per Bordetella bronchiseptica sia per il virus parainfluenzale canino. Il vaccino riduce la sintomatologia clinica, ma anche la diffusione ambientale del virus e può essere somministrato anche dalla terza settimana di età del cucciolo.

POLIVET POLICLINICO VETERINARIO

Siamo lieti che tu ci abbia scelto. Puoi compilare questo breve modulo e sarai ricontattato a breve

    X
    CONTATTACI