Sindrome Brachicefalica (BAOS)

L’importanza della visita odontostomatologica per i nostri pet.
01/2021
QUATTROZAMPE – Lieto fine per Polifemo
01/2021

La Sindrome Brachicefalica è una patologia ostruttiva delle vie aeree superiori dovuta alla conformazione anatomica alterata dei soggetti brachicefali, ossia le razze a muso corto (Bulldog Inglese e Francese, Carlino, Pechinese, Shi-tzu, Shar-pei, Lhasa apso ed altre).

Tali alterazioni anatomiche, definite PRIMARIE, sono rappresentate da:

  • Stenosi delle narici;
  • Palato molle lungo;
  • Eversione dei sacculi laringei (raro).

La sintomatologia clinica che ne consegue e che si manifesta con maggior frequenza nei giovani adulti, è una dispnea inspiratoria rappresentata dal caratteristico “stertore respiratorio”, ossia un respiro russante dovuto ad ostruzione parziale delle cavità nasali o del nasofaringeo.

Se non si interviene tempestivamente a correggere chirurgicamente le anomalie anatomiche primarie, ossia nel primo anno di vita, si svilupperanno con il passare del tempo alterazioni SECONDARIE, quali ipertrofia tonsillare, ipertrofia laringea, collasso laringeo.

Tale situazione è più pericolosa, in quanto vi è una riduzione ancora più marcata delle vie aeree superiori, ed è, inoltre, quella che lascia meno possibilità terapeutiche determinando così crisi respiratorie spesso letali.

Dunque, il TRATTAMENTO CHIRURGICO PREVENTIVO è finalizzato ad attenuare i segni clinici della Sindrome Brachicefalica correggendo le alterazioni Primarie ad essa associate, e prevede:

  • Plastica delle narici;
  • Resezione del palato molle;
  • Eventuale escissione dei sacculi laringei.

 

POLIVET POLICLINICO VETERINARIO

Siamo lieti che tu ci abbia scelto. Puoi compilare questo breve modulo e sarai ricontattato a breve

    X
    CONTATTACI